Viaggio in Albania: consapevolezza di essere popolo

Mirdita, sorelle carissime, dalle verdi montagne di Rreshen dove la primavera risplende, sia nella natura che nelle persone! Sì, è proprio questo il pensiero che mi nasce spontaneo nel cuore ogni volta che ritorno in questa terra: la popolazione si sta risvegliando, la città diventa sempre più grande e cresce anche la coscienza di essere popolo al servizio dei fratelli.

Il lavoro pastorale delle nostre suore continua come il seme nella terra: la catechesi e la cura dei giovani in parrocchia, la pastorale familiare e le visite nelle famiglie. Nelle campagne sono fedelissimi padre Giulio e suor Peppina, una volta alla settimana anche suor Bernarda, sempre con la presenza di catechiste e di suor Virginia.

Suor Virginia ha l’insegnamento della lingua italiana nella Scuola Professionale e suor Bernarda è presente nel semiconvitto diurno dove ci sono trentadue bambini: la metà sono Rom che ricevono istruzione, cura, pasti …un lavoro prezioso! Abbiamo incontrato il nuovo vescovo: un giovane sacerdote albanese pieno di entusiasmo e buona volontà…anche se il cammino della diocesi è ancora molto lungo, la consapevolezza e l’impegno della vita cristiana si costruisce piano piano.

Quest’anno celebriamo venticinque anni di presenza in terra albanese: un tempo di grazia e di doni del Signore, tempo di vangare e di seminare, tempo di sogni e di raccolta…! Chiediamo nella preghiera di comprendere sempre meglio il tempo di oggi e di continuare ad essere “umili servitori” nella vigna del Signore per la gloria dell’Eucaristia!

Rreshen, 6 aprile 2018                                                                                Il Signore ci benedica

                                                                                 Suor Maddalena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *