Santissima Trinità (Anno B)

Mt 28,16-20

“IO SONO CON VOI TUTTI I GIORNI, FINO ALLA FINE DEL MONDO”.

Il Vangelo di questa domenica ci riporta in Galilea sul monte dove Gesù ha dato appuntamento ai dodici.  Gli undici non mancano all’incontro, ma l’evangelista Matteo sottolinea un dettaglio:  “essi si prostrarono, ma dubitarono”. C’ è sempre nel nostro cuore forse la sottile paura che Dio ci possa ingannare, che l’esperienza con lui sia stata una delusione. Se da una parte spontaneamente ci prostriamo, forse altrettanto spontaneamente dubitiamo. Ma la pedagogia di Dio è sempre la stessa, la vicinanza. Gesù si avvicinò e disse loro: “A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra …” ma il vero suo potere è proprio  il suo farsi vicino e infondere fiducia, inviare nel nome dell’amore affinchè  tutti i popoli possano comprendere che il Signore ci vuole figli.

“Fate miei discepoli battezzando nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”…Fate miei discepoli, cioè accompagnate gli uomini nel mistero della Trinità, avvicinateli ad un Dio trino ed unico, ad un Dio che assicura la sua presenza costante nella storia.  Anche gli undici faranno discepoli, e il loro potere sarà sempre la forza della comunione, si è potenti insieme, si è autentici condividendo, si è testimoni nell’amore reciproco e fedele.

Gli Atti degli Apostoli infatti ci confermano che la Chiesa è nata in forza della comunione: “Guardate come si amano”…sarà questo il segno distintivo dei seguaci di Gesù.

Tutto questo è possibile perché Dio è rimasto con noi, la sua presenza è la garanzia della comunione,  infatti il Vangelo chiude proprio così: “Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”. 

Tutti i giorni e fino alla fine, non c’è più un tempo e uno spazio senza Dio, la sua presenza pervade l’universo e rende nuova ogni cosa.

suor Giuliana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *