Dal 7 gennaio 2019 nel villaggio sono stati accolti i bambini della scuola dell’infanzia. Le suore, insieme alle insegnanti, alle volontarie e alle giovani aspiranti condividono la vita e il lavoro nel villaggio San Francesco, dove i bambini orfani sono curati in tutte le loro necessità.

“Suora perché hai chiamato ad aiutarvi quelli lontani e non noi che siamo i vostri vicini?” …Sono le parole di una mamma, nostra vicina al Kunzugu.
Questo perché per quattro sabati di seguito sono venuti ad aiutarci volontari da Nyiendo (dove abitiamo ora). Abbiamo chiesto una giornata di lavoro per coltivare la terra per i bambini e la risposta è stata più che generosa. Un gruppo sono venuti per tre giornate e un altro per due, e una comunità intera un’altra giornata…

Il 4 settembre 2018 è passata nel villaggio “San Francesco di Assisi”,Bunda, la Fiaccola della Libertà, Mwenge wa Uhuru in swahili. È uno dei simboli nazionali più importanti per il popolo della Tanzania. Voluta da Nyerere, padre della Patria, la Fiaccola parte ogni anno attraversando tutta la Tanzania, toccando tutti i luoghi dove è stato costruito qualcosa di utile per la società. Dalla partecipazione del popolo abbiamo capito che era un evento straordinario per loro.

Il governo locale ha scelto il villaggio “San Francesco di Assisi”, costruito dall’Associazione AfricainTesta, per accogliere bambini orfani ed albini, riconoscendo così il valore inestimabile dell’opera e anche in segno di gratitudine verso Franco Testa e la sua Associazione.

Un riconoscimento nazionale per il Villaggio dei bambini a Bunda.  Oggi,  4 settembre, e’ arrivata al villaggio la “Luce della liberta”, Mwenge wa uhuru”, con la quale lo Stato riconosce le opere realizzate nell’anno dall’alto valore educativo e sociale. Suor Patrizia e suor Arta hanno fatto gli onori di casa, accogliendo il  riconoscimento.

Un week-end davvero speciale vissuto al villaggio  San Francesco con 39 ragazze di Nyasura, Manyamanyama e Nyendo, le tre parrocchie dove da ormai un anno le nostre suore sono attive offrendo presenza, amicizia e diverse possibilità di crescita nella fede per bambini, ragazzi e giovani. Su questa scia si è organizzato e vissuto il fine settimana al villaggio con queste ragazze che non sono state affatto scoraggiate dai tanti chilometri che hanno fatto a piedi per raggiungere Kunzugu.