Dalla realtà poverissima di Bunda, Tanzania, dove mi trovo adesso mi veniva in mente, di fare una graduatoria delle ricchezze…Gesù, nel Vangelo di questa domenica 25^ del tempo ordinario, ci invita a farci degli amici con la ricchezza disonesta, quella cioè che passa, che non dura per l’eternità.  Donando agli altri ciò che non ci appartiene (le ricchezze erano dell’uomo ricco!) sembra un po’ strano, ma è così, facciamo la casa migliore.

Il 22 agosto 2016 si è tenuta a Bagnoli l’assemblea estiva della Congregazione. Le comunità si sono ritrovate per pregare insieme e condividere l’anno trascorso e le nuove prospettive. L’incontro si è aperto con il momento di preghiera in Chiesa per invocare ancora una volta, in questo anno santo,  la misericordia di Dio e “un cuore che perdona” per poter vivere e testimoniare il Vangelo. Dopo il saluto della superiora generale, suor Maddalena Attanasio, si è tracciato il percorso formativo per il prossimo triennio:  un cammino che prende nuovo slancio dal   Decreto di venerabilità di Madre ilia, dono e impegno per tutta la Congregazione.

Abbiamo rivolto alcune domande a Sua Eccellenza Mons. Renatus  Leonard Nkwande, vescovo di Bunda in Tanzania. E’ospite nella nostra comunità di Bagnoli dal 9 marzo u.s. e si tratterrà ancora qualche giorno. Nella sua diocesi l’associazione Africaintesta (www.africaintesta.it), con la quale stiamo collaborando,  ha avviato la costruzione del “villaggio dei bambini”. Un villaggio che, appena sarà ultimato, accoglierà circa 60 bambini di cui alcuni orfani albini. Sarà per tutti loro luogo di crescita umana e cristiana; all’interno del villaggio sorgerà anche una scuola.