Sono trascorsi già cinque giorni in terra africana e vogliamo condividere con voi la “saudade” (nostalgia), ma anche  gezimin  ( gioia) e  l’ impegno di questo nostro tempo. Il viaggio è stato lungo ( quasi 30 ore), a volte faticoso, ma anche vivace per incontri ( quale i quattro ragazzi di  Bologna  che  andavano al Cairo per una esperienza interculturale) e per difficoltà ( le valigie che a Napoli pesavano Kg 23, a Dar er Salaam sono diventate  Kg 26/27 e quindi….una piccola mora).

Finalmente alle 14:00 di venerdì 14 luglio…abbiamo conquistato…la nostra “bastiglia” e siamo arrivate a Bunda , accolte con abbracci e “ Karibù” da mons. Renato , dai seminaristi e dalle suore di Santa Teresina. La casa,  dove di solito alloggiava Franco con i volontari,  è ora la nostra “ Betania” , africana di certo, ma già con un tocco “ internazionale”, con tanta allegria e semplicità ed ora è quasi pronta la piccola cappella…con pietre per sostenere il tabernacolo- capanna,  drappi africani per diffondere luce  e  le bellissime  bandiere  delle  terre  dove le figlie di Madre Ilia  vivono l’ amore che rigenera!  In questi  giorni  siamo state sempre ospiti del  vescovo per  colazione, pranzo e cena.   Domenica abbiamo partecipato alla liturgia dei primi voti di una novizia carmelitana (quasi 3 ore) e poi alla Messa  nella comunità rurale di Santa Giuseppina Bakita:  quasi 300 persone (molte sedute a terra  o su pietre) delle quali 150 bambini, un coro di 30 adulti, 35 cresimandi ( la più anziana….90 anni) e tante famiglie.  Alla fine (dopo quasi 3 ore) pranzo insieme nella chiesa (dopo aver tolto Gesù Eucarestia ) tutta la comunità  ha condiviso quello che ognuno aveva preparato….da notare: tutti mangiavano senza posate…esclusi noi!!!

Abbiamo  già sperimentato  il mercato  coperto  di  Bunda….martedì ci saranno bancarelle per tutto il giorno e potremo provvedere per cucinare in proprio.    Lunedì abbiamo partecipato alla Messa  nella casa delle suore  Dimesse, che  a settembre scorso ci  hanno ospitato, ma  già sabato erano venute a salutarci con doni: pomodori e zucchine del  loro orto, frutta e latte di mucca….veramente in missione siamo una sola famiglia!

madre  Maddalena Attanasio

Aggiungi commento

Inviando un commento accetti le politiche di privacy di piccolemissionarie.org
Informativa sulla privacy


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su di noi

Nel nostro nome "Piccole Missionarie Eucaristiche" è sintetizzato il dono di Dio alla Congregazione. Piccole perchè tutto l'insegnamento di Madre Ilia sarà sempre un invito di umiltà, alla minorità come condizione privilegiata per ascoltare Dio e gli uomini.
80124 Bagnoli, Napoli
[+39] 0815702809
suorepme@piccolemissionarie.org

Privacy Policy

Privacy Policy

Ultimi articoli

Missione in Albania

Ritorno in missione

Fare Pasqua in Albania

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter