Se tutto è uscito dalle mani di Dio come espressione del Suo amore, ecco che la liturgia di questa domenica ci fa contemplare la prima espressione d’amore dell’essere vivente: “Questa volta è osso dalle mie ossa, carne dalla mia carne”(cfr. Gen 2,18-24).

Ma cos’è l’amore? È quel qualcuno che riempie la solitudine, che aiuta a riconoscere se stessi come uguale, ma allo stesso tempo diverso: “Il Signore Dio disse: «Non è bene che l’uomo sia solo: voglio fargli un aiuto che gli corrisponda».

Sì, l’amore non è un sentimento in balìa della nostra libertà o schiavo delle nostre emozioni. L’amore è persona! Una persona con cui condividere la vita, i sogni, le speranze; una persona che aiuta la scoperta e la maturazione della propria identità. Una persona che fa uscire da se stessi, dalle proprie sicurezze e comodità e insieme, intraprendere una nuova strada, iniziare una nuova vita:

“Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e i due saranno un’unica carne”. Questo chiamiamo famiglia!

La famiglia è il luogo dove si concretizza e si manifesta la relazione dell'uomo e della donna. Nulla esiste di più naturale nella legge umana.

L’uno è fatto per l’altro, si incontra nell’altro, ma è l'amore tale come l’ha creato Dio che permette il non confondersi nell’altro, non appropriarsi dell’altro, non abbandonare l’altro.

Allora con ragione Gesù conferma e afferma che all’inizio non era così... che la natura uscita dalle mani di Dio porta in sé il segno dell'eterno e quindi, della fedeltà. “Ma dall’inizio della creazione Dio li fece maschio e femmina; per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto” (cfr. Mc 10,2-16).

Certamente questo fatto non ha scandalizzato soltanto i discepoli ai tempi di Gesù; continua a scandalizzare anche oggi. Ma come può l’amore abitare un cuore indurito?

Ed ecco che il Signore stesso ci dà la risposta: diventare come bambini, e come piccoli lasciarci condurre e lasciarci educare dal Padre che ci dà il Regno nella persona del Suo Figlio. E Gesù, non si vergogna di assumere questa nostra natura e tanto meno di chiamarci fratelli.

Solo Lui e in Lui, che è l'amore, l’uomo e la donna sono capaci di amare perché “Colui che santifica e coloro che sono santificati provengono tutti da una stessa origine” (cfr. Eb 2,9-11).

                                                                                                                                                     suor Maria Aparecida Da Silva

Aggiungi commento

Inviando un commento accetti le politiche di privacy di piccolemissionarie.org
Informativa sulla privacy


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su di noi

Nel nostro nome "Piccole Missionarie Eucaristiche" è sintetizzato il dono di Dio alla Congregazione. Piccole perchè tutto l'insegnamento di Madre Ilia sarà sempre un invito di umiltà, alla minorità come condizione privilegiata per ascoltare Dio e gli uomini.
80124 Bagnoli, Napoli
[+39] 0815702809
suorepme@piccolemissionarie.org

Privacy Policy

Privacy Policy

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter