“Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi?”. Se Dio ha sempre dimostrato di stare dalla parte dell'uomo, al punto da farsi uomo egli stesso, come può l'uomo pensare che Dio sia suo antagonista, suo avversario? E se ha sempre voluto per l'uomo ciò che è bello e ciò che è buono, come può l'uomo immaginare che Dio cambi parere e gli si rivolti contro?

            Perché Dio fa così con Abramo - e spesso anche con noi - mostrandosi allo stesso tempo buono e terribile, amabile e incomprensibile, affascinante e tremendo? Perché in alcuni momenti è una fonte inesauribile di gioia e di entusiasmo e in altri momenti diviene fonte di dolore, di paura, di rassegnazione? Perché è, al tempo stesso, croce e resurrezione? Non sarebbe più facile avere un Dio sempre splendente, come quello della Trasfigurazione, senza la necessità di entrare nella nube del mistero che è spesso accompagnata da grandi sofferenze e soprattutto da un enorme silenzio?

            Se la nostra fiducia in Dio non fosse il risultato di un cammino che, anche attraverso l'esperienza del dolore e della fatica, ci cambia e ci trasfigura a sua immagine, non potremmo dire di credere veramente in lui. Se la nostra fede fosse solamente illuminata dalla luce gloriosa della Domenica di Pasqua evitando l'oscurità del Calvario, non saremmo onesti con Dio, e nemmeno con noi stessi e con la nostra esistenza quotidiana, fatta di chiaroscuri, di parole rassicuranti e di silenzi insopportabili. Eppure, questa nostra fede, qui come in altre occasioni, non fa altro che ricordarci ciò che avviene nell'esistenza quotidiana di ognuno di noi: ovvero, che non c'è croce senza resurrezione.

            Nessuno di noi, per quanto successo possa avere avuto nella vita, può dire di aver realizzato i propri progetti senza sofferenze: se fosse così, ciò che si è costruito è falso, o forse addirittura disonesto. Così come è disonesto pretendere che Dio ci mostri solo il suo aspetto glorioso, perché ci fa sentire bene, come Pietro, che vorrebbe fermare il tempo costruendo tre capanne. Oppure - se vogliamo dirla in positivo - pensare che una vita fatta di sacrifici onesti e di fatiche finalizzate alla costruzione del bene per sé e per i propri cari non possa essere accompagnata anche da gioie e soddisfazioni, significa vivere senza speranza.

            Insomma, il gioco della vita ci trasfigura, in tutti i sensi, nel bene e nel male, nelle gioie e nei dolori, nei successi e nei tracolli. Anche tutte queste crisi belliche e umanitarie che a livello globale ci stanno facendo vivere immersi in una terza guerra mondiale “a pezzi”, come la chiama papa Francesco, senz'altro ci stanno trasfigurando rendendoci tutti “più “arrabbiati”; ma ci possono trasfigurare anche positivamente, aiutandoci ad andare all'essenziale, ad assumere meno maschere e a essere più veri.

            La “novità” del messaggio cristiano rispetto al modo puramente “umano” di affrontare la vita sta proprio nella presenza del Figlio di Dio in mezzo a noi e insieme con noi nel momento della prova e del silenzio. Gesù non ci lascia da soli, nel momento in cui dobbiamo salire su un alto monte, e nemmeno nel momento in cui veniamo avvolti dalla nube dell'incomprensibile: rimane con noi e ci mostra la fragilità della nostra esistenza e la luce gloriosa che accompagna i nostri successi. Entrare nella nube del mistero di Dio, come Pietro, Giacomo e Giovanni sull'alto monte fa parte del gioco della vita e del gioco della fede, senza il quale non possiamo comprendere il mistero di Dio perché il mistero di Dio non è solo angoscia e preoccupazione: è anche fascino allo stato puro. Come quando si cammina a luci spente nella notte e si rischia di cadere, ma si riesce anche a vedere meglio le stelle brillare in cielo oppure come può essere l'imminente parto di una giovane madre, che è motivo di angustia ma anche espressione di vita piena.

            Anche questo, e non solo il dolore, ci trasfigura a immagine di Dio. Il segreto per vivere bene questa esperienza? Abitare il silenzio, perché è solo nel silenzio della nostra vita che può risuonare la voce di Dio: “Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!”.

                                                                                                       don Franco Bartolino

 

Aggiungi commento

Inviando un commento accetti le politiche di privacy di piccolemissionarie.org
Informativa sulla privacy


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su di noi

Nel nostro nome "Piccole Missionarie Eucaristiche" è sintetizzato il dono di Dio alla Congregazione. Piccole perchè tutto l'insegnamento di Madre Ilia sarà sempre un invito di umiltà, alla minorità come condizione privilegiata per ascoltare Dio e gli uomini.
80124 Bagnoli, Napoli
[+39] 0815702809
suorepme@piccolemissionarie.org

Privacy Policy

Privacy Policy

Ultimi articoli

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter