"Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia". ( Lc.2,12 )

Carissime sorelle,

nel Vangelo della messa della notte di questo Santo Natale 2020 è risuonato per noi, come per i pastori, l'invito a riconoscere il Messia atteso, il Verbo incarnato, il Salvatore del mondo nella figura di un bambino povero, debole, impotente, "avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia".

Il "segno" è l'umiltà di Dio, è l'amore con cui Egli ha assunto la nostra fragilità, i nostri limiti, i nostri desideri.

Il "segno" è un Bambino piccolo, che si lascia toccare, che ci guarda con occhi pieni di tenerezza e chiede il nostro amore...

" Ascolta figlia mia, i vagiti del Redentore, intendine il profondo significato e le forti aspirazioni che ti suggeriscono" (Lampade viventi pag. 65).

Quanto bisogno di tenerezza ha oggi il mondo e noi non possiamo essere indifferenti.

Il Natale del Signore ci spinge a fare come Lui.. "seguire la piccola via" (M. Ilia) scendere, abbassarsi, consegnarsi...con mansuetudine, mitezza, bontà.

" Questo per voi  il segno..." Segno di speranza, segno di amore, segno di vita nuova.

E noi siamo segno della tenerezza di Dio per i fratelli  tutti?

Auguri di un santo e sereno Natale, il Bambino Gesù ci benedica.  sr Patrizia

Aggiungi commento

Inviando un commento accetti le politiche di privacy di piccolemissionarie.org
Informativa sulla privacy


Codice di sicurezza
Aggiorna