Noi cristiani crediamo nel Dio Creatore, che nell’esplosione del Suo Amore ha dato forma a tutte le cose e si è specchiato nell’Umanità. L’Umanità non l’ha riconosciuto come Unico Dio; Dio ha chiamato il Popolo di Israele caricandolo di cura particolare in modo da essere “segno” della predilezione dell’Amore che salva e perdona. Ma il popolo di Israele, come gli altri popoli ha sprecato le cure amorose di Dio: “Che cosa dovevo ancora fare alla mia vigna che io non l’abbia fatto?”... “Egli si aspettava giustizia ed ecco spargimento di sangue, attendeva rettitudine ed ecco grida di oppressi” (Is 5,4.7). È stato sprecato l’Amore di Dio?

No, assolutamente no, perchè l’Amore non si stanca mai! Anzi, dinanzi all’indifferenza e alla disobbedienza, l’Amore va all’ultima conseguenza fino a perdersi. Ad ogni negazione, ad ogni sete di ingiustizia, di violenza... l’Amore di Dio si intensifica di più donando una volta per sempre il Suo Figlio. Egli dona tutto Se stesso, lasciandosi prendere dalle mani sporche di sangue degli uomini malvagi, presenti nel corso di tutta la Storia dell’Umanità (Mt 21,33-43).

Sono passati più di duemila anni... è stato sprecato l’amore di Gesù? Assolutamente no! Perché l’amore vince sempre, come afferma e testimonia Paolo (Fil 4,6-9) e tutte le schiere di testimoni nel corso di questi due millenni. L’Amore vince sempre e nel migliore dei modi possibili. Vince con il silenzio, con la pace inquieta e operosa, con la giustizia a prezzo di sangue donato, non rubato; con le preghiere, suppliche e ringraziamento non solo per chi crede, ma anche, e soprattutto per chi non crede. L’Amore o salva tutti o non salva nessuno. E nel rispetto di ogni scelta e di ogni libertà, l’Amore attende perché è l’Unico che rimane alla fine del cammino!

Io credo all’Amore di Dio. Credi pure tu? ...Allora non risparmiamo quest’amore versato nei nostri cuori, perché come un torrente, non può essere contenuto e non torna mai indietro.

                                                                                                                              suor Maria Aparecida Da Silva

Aggiungi commento

Inviando un commento accetti le politiche di privacy di piccolemissionarie.org
Informativa sulla privacy


Codice di sicurezza
Aggiorna