In questa seconda domenica dopo Natale, voliamo altissimo in compagnia del teologo Giovanni che fissò nel suo Vangelo la profondità di Dio. Giovanni, ultimo evangelista a scrivere, non racconta nulla della nascita di Gesù ma cerca di spiegare il senso della sua nascita. Egli risponde soprattutto alla grande domanda: "Dov'è Dio?". Per lui la risposta è chiara: Dio è qui! Guardati attorno, guarda bene perché Lui è vicino ed è dentro di te.

"Il Verbo si è fatto carne". Tutto ciò che esiste è "Dio" se hai occhi per vederlo, ma tutto ciò che esiste è nulla se non hai occhi per vederlo. Tutto è niente, se rimani in superficie, tutto è vita, se raggiunge il tuo cuore. Se il Verbo si è fatto carne allora vuol dire che tutto ciò che esiste parla di Lui.

“La luce splende nelle tenebre e le tenebre non l'hanno vinta”. La luce è ostinata, Dio è ostinato, non si dà per vinto. Il nostro peccato, la nostra indifferenza, non potrà mai fermare il Suo amore.

“Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto”. Il Natale è la descrizione di un incontro tra Dio e l'uomo dove l'uomo semplicemente non c'è. In fondo c'è ben poco da festeggiare ed è per questo che nei secoli abbiamo sentito il bisogno di ricoprire questo evento di tanto miele. Per attendere qualcuno bisogna essere pronti a farsi sorprendere.

“A quanti l'hanno accolto ha dato il potere di diventare figli”. Ecco in sintesi il Vangelo. Perché è venuto? Perché gli uomini diventino figli di Dio e diventare figli è una strada infinita, un cammino che ha sapore di eternità.

C'è una piccolissima parola, nel Vangelo, che ci spiega con semplicità questo cammino. La parola è l'avverbio “come”. Una parola che da sola non ha molto senso, che rimanda oltre. Siate perfetti come il Padre; siate misericordiosi come il Padre; amatevi come io vi ho amato. Figli di Dio allora non si nasce, lo si diventa.

Allora ripartiamo da qui, dalla certezza che il tempo che Lui ci dona è pieno della Sua presenza. È la nostra quotidianità il luogo in cui possiamo fare esperienza di Dio. In questo nuovo anno, impariamo a dare ordine alle vere priorità. Ogni spazio e ogni luogo delle nostre giornate è tempo per incontrarlo, un'occasione per gustare la Sua presenza per sempre.

                                                                                                                                     don Franco Bartolino

Aggiungi commento

Inviando un commento accetti le politiche di privacy di piccolemissionarie.org
Informativa sulla privacy


Codice di sicurezza
Aggiorna