Gv 20,1-9

“VIDE E CREDETTE”

 
Il primo giorno della settimana…inizia così il vangelo del racconto della Resurrezione. È l’inizio di un tempo nuovo e di un mattino nuovo nel quale il buio va verso la luce.

Maria di Magdala si reca al sepolcro, lì dove sembrava che assieme al tempo si fossero fermate anche la vita e la speranza. Il tempo nuovo che è iniziato, il tempo propizio per vedere con gli occhi del cuore, presenta già la prima sorpresa: la pietra non c’è più e il sepolcro è vuoto!                                                                          Da qui l’esigenza di comunicare la notizia, il desiderio di condividere le paure e i sentimenti  confusi da questa novità.

Ha luogo poi la corsa dei discepoli, una corsa fatta “insieme” nonostante i ritmi diversi e nonostante arrivati al sepolcro, comunque ci si ferma, ci si attende. E si passa a questo punto dal vedere e semplicemente costatare al credere e comprendere con il cuore; “vide e credette”.

Un sepolcro vuoto, i teli posati lì e la certezza che Cristo è risorto. Eppure in questa pagina evangelica non c’è la parola Resurrezione, non c’è nessuno che affermi  o annunci che Cristo è risorto.

È un Vangelo solo di segni  da scorgere e cogliere. E’  un Vangelo che invita a ricordare,  a riportare al cuore quanto è accaduto, quanto Gesù aveva predetto. Ci sono  da  comprendere i segni concreti delle promesse di Gesù, c’è  da accogliere quella Parola che permette, in un certo senso, di unire i puntini e dare al disegno della salvezza un immagine chiara, precisa, inconfondibile, evidente…vide e credette.

È Pasqua di resurrezione ogni volta che partiamo con il buio, ma certi della luce, ogni volta che condividiamo speranze, attese e sorprese. Ogni volta che corriamo insieme e ci attendiamo a vicenda, ogni volta che siamo capaci di vedere un sepolcro vuoto sì, ma nello stesso tempo provare la gioia e lo stupore di una presenza.

E allora sarà sempre il primo giorno della settimana, sarà sempre un nuovo inizio, sarà sempre alba…Sarà sempre Pasqua!

suor Giuliana

Aggiungi commento

Inviando un commento accetti le politiche di privacy di piccolemissionarie.org
Informativa sulla privacy


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su di noi

Nel nostro nome "Piccole Missionarie Eucaristiche" è sintetizzato il dono di Dio alla Congregazione. Piccole perchè tutto l'insegnamento di Madre Ilia sarà sempre un invito di umiltà, alla minorità come condizione privilegiata per ascoltare Dio e gli uomini.
80124 Bagnoli, Napoli
[+39] 0815702809
suorepme@piccolemissionarie.org

Privacy Policy

Privacy Policy

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter