Gv 20,19-31

“Mio Signore e mio Dio”!

Questo brano evangelico di Giovanni ci  fa ritornare nel cenacolo, nel luogo dove si era sperimentata l’amicizia e il tradimento, il dono totale e il servizio, la consegna della nuova legge dell’amore.

È la casa dove ci si ritrova comunque perché è impossibile dimenticare l’identità nuova da lì scaturita.

Ancora lì, insieme dopo gli eventi della resurrezione e ancora tanto timore e porte chiuse.  Il cenacolo è il luogo dove il Signore si fa presente, dove sa di trovare i suoi e da dove finalmente ripartire.” Come il padre ha mandato me, anch’io mando voi”.

Per andare, per testimoniare il Signore c’è bisogno prima di tutto di credere nella sua resurrezione. Tommaso, il discepolo che definiamo  incredulo, ci viene in aiuto, non crede a quanto affermano i suoi amici, non sempre infatti, per la nostra fede basta l’esperienza degli altri…lui vuole vedere e toccare. E Gesù non si fa attendere, concede il bis a Tommaso, viene incontro non alla fede fragile e debole, ma alla fede che è frutto di una ricerca sincera dei segni della sua presenza.

È così la comunità dei discepoli; c’è chi crede solo vedendo i segni e ricordando le parole del Maestro e c’è chi ha bisogno di vedere e toccare il risorto. Queste differenze, con la presenza di Gesù, non sono un problema o un impedimento perché la buona notizia della sua Resurrezione scavalchi i confini, superi le barriere, sciolga i dubbi e ridoni quel meraviglioso e inestimabile dono della pace.

Una volta toccato e visto il Signore risorto non c’è più motivo per non credere e il  cuore assume un altro atteggiamento: “Mio Signore e mio Dio”.

Mio Signore e mio Dio: è l’esperienza della libertà del cuore, della gioia ritrovata, dello stile del credente, il primo passo per un reale e significante annuncio per vivere da Risorti!

Aggiungi commento

Inviando un commento accetti le politiche di privacy di piccolemissionarie.org
Informativa sulla privacy


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su di noi

Nel nostro nome "Piccole Missionarie Eucaristiche" è sintetizzato il dono di Dio alla Congregazione. Piccole perchè tutto l'insegnamento di Madre Ilia sarà sempre un invito di umiltà, alla minorità come condizione privilegiata per ascoltare Dio e gli uomini.
80124 Bagnoli, Napoli
[+39] 0815702809
suorepme@piccolemissionarie.org

Privacy Policy

Privacy Policy

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter