Il capitolo sedici del Vangelo di Luca, è dedicato al problema dell'uso della ricchezza. Gesù si rivolge ai discepoli con una parabola imbarazzante: parla di un amministratore, un padrone e una truffa con tanto di elogio del truffatore. 

L'amministratore non si è rassegnato e di fronte all'incubo di perdere lo status sociale acquisito, ricorre a un meccanismo finanziario che lo penalizza temporaneamente, ma che gli permette di sanare i bilanci e di mantenere l'incarico. Davanti a un problema, ha trovato una soluzione creativa: rinuncia, al proprio guadagno pur di salvare il posto. «Il padrone lodò quell'amministratore disonesto». Questa frase, a ben pensarci, è evangelicamente senza senso. 

Nel momento in cui ha sbagliato, si accorge degli altri e li aiuta. Ecco la soluzione creativa: farsi degli amici che lo possano aiutare quando ne avrà bisogno. Quando qualcosa non funziona, è inutile insistere, illudersi, bisogna semplicemente cambiare e davanti ad una situazione difficile, troviamo una soluzione creativa, invece di perdere tempo a piangerci addosso. 

Gesù non sta proponendo quest'amministratore come modello di disonestà, ma come esempio di astuzia. Sul finale, però, un'amara constatazione: «I figli di questo mondo sono più scaltri dei figli della luce». Il discepolo dovrebbe avere la stessa energia, passione e ingegnosità dell'amministratore per annunciare la bella notizia. 

Gesù stesso commenta la parabola: «Fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne». E saranno proprio questi amici che ci accoglieranno nella casa del cielo. In questo sta la grandezza dell'amministratore: rinunciare ora a qualcosa per investire nel suo futuro. 

L'amministratore fa verso i debitori ciò che Dio fa verso l'uomo: rimette i debiti. Certo, l'amministratore è misericordioso per necessità, per furbizia, Dio invece no, Egli pone sempre al primo posto la felicità dell'uomo, non guarda alla mia fedeltà ma alla mia felicità. 

Aggiungi commento

Inviando un commento accetti le politiche di privacy di piccolemissionarie.org
Informativa sulla privacy


Codice di sicurezza
Aggiorna

Su di noi

Nel nostro nome "Piccole Missionarie Eucaristiche" è sintetizzato il dono di Dio alla Congregazione. Piccole perchè tutto l'insegnamento di Madre Ilia sarà sempre un invito di umiltà, alla minorità come condizione privilegiata per ascoltare Dio e gli uomini.
80124 Bagnoli, Napoli
[+39] 0815702809
suorepme@piccolemissionarie.org

Privacy Policy

Privacy Policy

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter